Storie di Capizzi e… di San Giacomo

Salvatore Mangione

Ai lettori, con la pubblicazione dei “Quaderni di Sicilia”, si realizza un mio vivo desiderio, far conoscere le storie e le vicende della cultura siciliana, in special modo, ai Siciliani stessi. Infatti, in parallelo sto curando i quaderni del mio paese, San Fratello, dove ho già pubblicato i primi tre volumi: “la Coena Domini – testo poetico e misterioso della tradizione orale”, “I riti della Settimana Santa”, e “Gli studi storici e filologici dei Gallo-Italici”.

I “Quaderni di Sicilia” iniziano con il duemila e vedono al primo posto “La Passione messinese” interessa gli appassionati delle stupende manifestazioni religiose, storiche e folkloristiche della Settimana Santa che hanno luogo a Messina, Barcellona Pozzo di Gotto, Monforte San Giorgio, Santa Lucia del Mela, San Pier Niceto, Longi, San Marco D’Alunzio e San Fratello.

Il secondo è il presente volume “Storie di Capizzi e… di San Giacomo”.

E’ un omaggio sincero all’aurea città di Capizzi, a quella gente ricca di umanità capace di saper fronteggiare determinati situazioni della storia.

Vero scrigno come scrive Tommaso Campanile, pieno di valori preziosi.

I Capitini giova ricordarlo, sono uomini di carattere, ricchi di cultura cittadina.

La storia continua, afferma Carmelo Scillia ha lasciato a Capizzi segni tangibili contribuendo a forgiare l’ambiente e l’indole del suo popolo.

Girando per le vie e per le campagne, si notano i valori architettonici di ieri e di oggi, memorie e storie. Seguire le manifestazioni religione in particolare quelle di S. Giacomo Apostolo e S. Antonio significa immedesimarsi in autentici momenti di intensa vita culturale e spirituale.

Questo lavoro spero sia un gioiello da incastonare nello scrigno della città. Capizzi 23 Luglio 2000 .

Prof. Salvatore Mangione

Libro acquistabile presso Cartolibrerie e Librerie di Capizzi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: